Società italiana di Ematologia
MySie
Manuale MySie

NEWS E COMUNICAZIONI

A Milano il primo workshop italiano su Car –T Cell TherapyTORNA ALLE NEWS >

Pubblicato il 3 giugno, 2019

Si svolgerà a Milano il 24 giugno prossimo il I° Workshop sulla “CAR-T cell therapy”, uno dei metodi di immunoterapia più innovativi e sofisticati, rappresentato dalla terapia con cellule “ingegnerizzate” contro i tumori. L’incontro è promosso da: Società Italiana di Ematologia (Sie), Società Italiana di Ematologia Sperimentale (Sies), Associazione Italiana di Ematologia e Oncologia Pediatrica (Aieop), Gruppo Italiano Trapianto Midollo Osseo (Gitmo) e Fondazione Italiana Linfomi (Fil).

Sede del convegno è lo Starhotels di Milano che ospiterà i lavori del workshop a partire dalle 8 e 30 del 24 giugno, con le relazioni introduttive del professor Paolo Corradini (Fondazione IRCCS Istituto nazionale dei Tumori – Università di Milano) e del professor Marco Ruella (Center for Cellular Immunotherapies Perelman School of Medicine Division of Hematology and Oncology - University of Pennsylvania).

I lavori si svolgeranno in quattro sessioni: “Risultati attuali e sfide chiave”, “Studi e prospettive della ricerca in Italia”, “Studi translativi e collaborazioni future”, “Introduzione della CAR-T cell therapy nel sistema sanitario nazionale”.

I temi della prima e seconda sessione in particolare riguarderanno gli studi e le sperimentazioni sulla leucemia linfoblastica acuta, sui linfomi CD30-positivi, sul mieloma multiplo. Nella terza sessione si analizzeranno le nuove prospettive per la terapia CAR-T applicata alle neoplasie ematologiche, “rimodellate” sulla necessità di prevenirne la tossicità. 

Attualmente, la CAR-T cell therapy viene realizzata nell’ambito di studi sperimentali, tuttavia si è dimostrata molto promettente nei casi di Leucemia Linfoblastica Acuta, Linfomi non Hodgkin diffusi a grandi cellule, Linfoma primitivo del mediastino e Mieloma Multiplo.

La CAR -T cell therapy, intesa come modello di terapia personalizzata e di precisione, rappresenta una vera rivoluzione nella lotta ai tumori, ma apre anche un ventaglio di domande e di quesiti ai quali il workshop di Milano cercherà di dare risposta.


Documenti allegati